Economia e BusinessPolitica e Sociale

Comunicare tanto e male

Risultati immagini per comunicareTempo fa vi erano pochi giornale e notizie, ma adesso con 7 miliardi di persone comunichiamao male e tanto. Come mai non ci proccupiano di come cumunichiamo o se quello che diciamo interessa alla gente.

In pochi secondi devi attirare l’attenzione, parole chiave che “eccitano” le persone, quali sono? soldi, sesso, potere, informazione, o che urtano le emozioni, sangue, violenza, paura.. e poi che rasserenano con una “soluzione”.. ovvio quella che vendi tu.

Tante volte vado ad una conferenza e il relatore sembra il solito professore (non ce lo con gli insegnanti) che mi fa dormire, non vi coinvolge in quello che vuole dire e non dice che lese cha ha vissuto, dove di sicuro vedrei la sua energia. Mi dice quello che ritmicamnete a imparato anche lui nei testi teorici nel corso degli anni della sua istruzione.

Quello che ho imparato nel fare gli eventi e workshop, da prima con il mio percorso spirituale e poi con quello economico, è stato che il rapporto allievo/maestro è sempre reciproco. Cosa serve all’allievo conoscere in quel momento e a quale scopo serve al maestro far conoscere quel determinato argomento.

Ecco che fare le domande e ricevere risposte ci porta a “sapere dove siamo adesso”, quale è il punto di partenza per decidere di “andare dove” ovvero quale è il tuo obbiettivo e come ci vuoi arrivare. In realtà cosa ti serve comunicare e cosa ti serve sapere in questo periodo della vita deve essere un rapporto bivalente su chi ascolta e chi parla.

Se hai paura di vendere o non sei a tuo agio, puoi sempre usare la frase “do solo dei consigli agli acquisti” .. facile si. Ma la frase deve essere realmente “dentro di te”, devi esserne a tua agio.

La soluzione che ti voglio “vendere oggi” è solo quella di provare, studia teoria pure con corsi ed eventi come quello che faccio del Cashflow Game qui a Trieste, ma “Buttati” nel fare addestramento nella vita quotidiana sempre. Ascolta il feedback di un amico che qualche volta ti dirà ” ma sai che quella pizzeria che mi hai consigliato è fantastica” La pratica ti aiuta sempre di più.

Alessandro “cocioale